Dimagrire correndo: perdere peso in modo efficace

Settembre, un mese che… non dovrebbe esistere. È una opinione personale di chi scrive, ma suppongo che molti concorderanno: rappresenta una dura ripresa di contatto con la realtà dopo le effimere illusioni vacanziere, è il mese del rientro al lavoro (o a scuola), delle spese arretrate e, per chi sta attento alla linea, della resa dei conti con lo specchio e la bilancia.

Per quest’ultima categoria in particolare, questo periodo è forse il peggiore dell’anno. Il peso smaltito prima dell’estate grazie anche alla motivazione fornita dalla “prova bikini” è stato – salvo rare eccezioni – rapìdamente recuperato, a causa del rilassamento vacanziero che induce a concedersi qualche peccato di gola in più, o qualche drink prima o dopo cena, e trascurare la normale routine in palestra o in piscina. Niente di grave, le ferie sono fatte per riposare, rilassarsi e divertirsi. Una volta rientrati però è bene mettersi in riga: parola d’ordine, dimagrire, scrollarsi subito di dosso le scorie, per evitare che si accumulino e diventino più difficili da smaltire.

LEGGI ANCHE: 7 Consigli per perdere peso in modo sano

Attenzione all’alimentazione, quindi: ma per dimagrire non basta mangiare meno e meglio. È fondamentale rimettere in moto il corpo, riprendere a svolgere attività fisica con cadenza regolare. Il poco tempo a disposizione può però trasformare in un problema anche solo rinnovare l’abbonamento al fitness center sotto casa, figuriamoci andarci tre volte a settimana. Con il tempo ancora piuttosto clemente, una valida alternativa è offerta dalla corsa, che richiede meno spese e tempi organizzativi: provare a dimagrire correndo è sempre una buona idea. Vediamo ora qualche dritta su come fare.

Come dimagrire correndo: alcuni consigli

La salvaguardia della salute dovrebbe essere in testa alla scala di priorità di qualsiasi persona. La medicina ha fatto passi da gigante e ha trovato cure innovative ed efficienti per a molti problemi di salute. La cura del proprio benessere deve però diventare una preoccupazione personale: per stare bene, sentirsi attivi e tonici e, soprattutto, per rimanere sani, l’ideale è raggiungere il peso forma mangiando correttamente e facendo tanto sport.

Le riviste, i giornali e i programmi televisivi si occupano spesso del problema del sovrappeso ed elencano alcuni dei più efficaci metodi per dimagrire. Quello che sembra mettere tutti d’accordo è la corsa, per molti l’unica forma possibile di attività sportiva. In effetti dimagrire correndo può essere facile e divertente: sempre più persone scelgono di affidarsi al running per perdere peso.

Le ragioni? Sono tante e semplici da capire. Il primo motivo è rappresentato dai costi ridotti, che fanno della corsa a piedi lo sport più praticato al mondo. È sufficiente disporre di un buon paio di scarpe da corsa, una t-shirt e un pantaloncino per cominciare a correre. Vale la pena comunque soffermarsi sull’abbigliamento, che deve essere scelto in base alla stagione e alle proprie necessità ed esigenze. Preferibili gli indumenti in tessuto tecnico, un tipo particolare di sintetico pensato appositamente per l’utilizzo sportivo perché fa traspirare la pelle e si asciuga rapidamente. I capi in tessuto tecnico si trovano, anche a prezzi estremamente contenuti – parliamo davvero di pochi euro, spesso meno di dieci – e risultano estremamente pratici per chi sceglie di provare a dimagrire correndo.

La corsa è uno sport con poche controindicazioni, adatto a tanti, che si può praticare ovunque si disponga di spazio sufficiente. L’ideale sarebbe scegliere di correre in aree ricche di verde e nelle prime ore del mattino, quando le piante rilasciano ossigeno e le prestazioni del runner sono migliori. È ovvio però che tempi e luoghi devono essere scelti a seconda delle preferenze e delle esigenze individuali.

Correre è anche un modo molto veloce per migliorare il proprio stato d’animo. Oltre a essere un efficiente metodo per dimagrire, la corsa è anche un ottimo antistress e antidepressivo (grazie alla liberazione delle endorfine, che sono degli oppiacei naturali), che fortifica il sistema nervoso e quello immunitario e, nel complesso, aiuta a migliorare la qualità della vita. Fare running beneficia i valori sanguigni in generale, regola la pressione arteriosa e si ossigena meglio i muscoli. Chi sceglie di dimagrire correndo acquisisce inoltre una maggiore autostima e una migliore conoscenza di se e dei propri limiti.

È risaputo che la corsa contribuisce a far perdere il grasso corporeo in eccesso nelle zone critiche come cosce, glutei, fianchi e addome. Questo non significa che sia facile dimagrire correndo. Gli esperti hanno calcolato che, per perdere un chilogrammo di adipe, si dovrebbero consumare circa 7800 calorie; in ogni caso per riuscire a dimagrire correndo si dovrebbero bruciare, in modo costante, più calorie di quante se ne ingeriscono. È necessario, dunque, conoscere il numero di calorie raccomandate per ogni persona, in base all’indice di massa corporea. Per calcolare il proprio IMC e il fabbisogno calorico giornaliero esistono numerosi test, facili da svolgere e reperibili anche online come questo; nulla però può sostituire il parere del nutrizionista.

Se si è scelto di dimagrire correndo bisogna fare attenzione ad alcuni aspetti dell’attività. Innanzitutto è sbagliato pensare che una corsa breve, veloce e intensa faccia perdere chili di troppo. Al contrario, così facendo si finisce per affaticare l’organismo e perdere massa muscolare, oltre a rischiare infortuni se non si è allenati a sufficienza. Bisogna cercare di prolungare il più possibile il tempo della corsa, aumentando la distanza e diminuendo la velocità: solo in questo modo si possono bruciare le calorie giuste per smaltire i grassi in eccesso. Esistono vari modi “empirici” per capire se l’intensità della corsa è quella giusta: se non state sudando, dovete aumentare lo sforzo, se invece non riuscite a respirare bene o a parlare dovete scendere di ritmo. È sempre però meglio tenere sotto controllo il ritmo delle pulsazioni cardiache con appositi cardiofrequenzimetri, apparecchi acquistabili con poche decine di euro: un battito troppo accelerato indica una eccessiva intensità dell’allenamento. Esistono formule e tabelle piuttosto attendibili che indicano il ritmo cardiaco ideale in base all’età: questo interessante articolo spiega come fare.

L’ultimo consiglio è quello di procedere per gradi: per dimagrire correndo può essere utile variare l’intensità della corsa e la pendenza. Alternate i momenti di sforzo a quelli di recupero e non dimenticatevi che dovete fare un po’ di riscaldamento all’inizio e raffreddare i muscoli con una camminata veloce alla fine della corsa.